Kalevala - Mostra

Kalevala - Mostra

Kalevala - Mostra

Il poema nazionale finlandese fra mito, magia, letteratura e arte
Dal 27 maggio al 30 giugno

in collaborazione con l'Ambasciata di Finlandia in Roma.


Venerdì 27 maggio ore 17:30
Inaugurazione della mostra

Museo Archeologico Nazionale
Cividale del Friuli
Palazzo dei Provveditori Veneti - Piazza Duomo, 1

http://www.cividale.com/citta/orari.asp

 

Inaugurano la Direttrice Serena Vitri e Andrea Rucli (Ass. Sergio Gaggia)
Presentano la mostra il presidente della Società del Kalevala prof. Seppo Knuuttila
(Università della Finlandia Orientale), Juha Pentikäinen (Università di Lapponia, Istituto per la Cultura Nordica) e Vesa Matteo Piludu (Università di Helsinki).
La cantante folk Karoliina Kantelinen (Accademia di Musica di Sibelius)
canterà alcuni canti tradizionali di benvenuto.


La mostra

La mostra è dedicata al Kalevala, il poema nazionale epico finlandese, opera magna dell'etnografo e poeta Elias Lönnrot, che nel XIXo secolo unì, sintetizzò e modificò migliaia di versi trascritti ascoltando canti intonati dai bardi popolari finnici. Il poema riscosse un successo internazionale sorprendente: nel 1845, il celebre Jacob Grimm elogiò il Kalevala con queste parole: “Qui abbiamo, ora più che mai, un puro epos nella sua forma più semplice e commovente, si tratta del ritrovamento di un tesoro senza precedenti.”

Il poema fu splendidamente tradotto in metrica in italiano sia da Paolo Emilio Pavolini che da Igino Coggi all’inizio del XXo secolo. Già nel 1891, Domenico Comparetti, grande studioso di letterature comparate, viaggiò in Finlandia per scrivere uno dei suoi migliori saggi: Il Kalevala o la poesia tradizionale dei Finni.

Cosa rende il Kalevala tanto affascinante? Probabilmente il fatto che i suoi eroi più che spadaccini e guerrieri sono maghi e cantori in grado di governare le forze della natura con incantesimi e melodie. Non ha caso i protagonisti sono tutti possenti maghi e sciamani. Väinämöinen, il bardo sempiterno, è un anziano Orfeo nordico in grado di incantare con sua musica uomini, animali, ninfe ed ondine.

Il Kalevala colpisce anche per l’universalità dei suoi temi. Molte saghe riguardano il sampo, un oggetto misterioso in grado di procurare prosperità e ricchezza al popolo che lo possiede. Gli eroi si batteranno con Louhi, la temibile Signora del Nord, per la conquista del sampo e, dopo una furiosa battaglia magica, l'oggetto finirà per infrangersi nel mare, garantendo fertilità alla terra di Kalevala. Il canto epico aveva un’evidente funzione rituale e veniva intonato all’arrivo della primavera per favorire la futura crescita del grano.

Alcuni temi del Kalevala ricordano le epopee vichinghe, in particolare i canti relativi alle avventure sul mare, altri invece sono più simili a quelli sciamanici della siberia: i canti di magia dove gli eroi si trasformano in animali. La ricerca del sampo ricorda quella del graal delle tradizioni celtiche e del ciclo arturiano.

Louhi, l’ambigua strega del Nord che invia gelo e malattie, ma offre anche agli eroi la mano della bellissima figlia, è un personaggio particolarmente intrigante. Assomiglia a certi personaggi femminili del folclore vichingo, slavo, alpino e friulano: anche le agane e le krivapete a volte sono descritte come pericolose e dannose, altre volte come belle e sante. Persino la bora, il celebre vento carsico che muta spesso direzione, secondo la tradizione è una vecchissima strega: la terribile Bora.

Il Kalevala ha ispirato moltissimi artisti finlandesi, come il celebre compositore Jean Sibelius e il pittore Aksel Gallén-Kallela, le cui opere sono state esposte anche nella recente mostra Munch e lo spirito del Nord. Scandinavia nel Secondo ottocento, esposta a Villa Manin a Passariano. Persino il britannico Tolkien, scrivendo Il Signore degli Anelli, si ispirò a Väinämöinen per creare il mago Gandalf e al finlandese per inventare la lingua elfica.

Nel Museo saranno in esposizione dei dépliant informativi sul Kalevala e delle copie del Kalevala in italiano, che è possibile leggere in sede.

È possibile leggere il Kalevala nella splendida traduzione metrica italiana di Paolo Emilio Pavolini sul sito:
http://bifrost.it/Antologia/Kalevala.html

Il Museo Archeologico di Cividale è celebre per la preziosissima collezione degli Aurei Longobardi, che i visitatori potranno avere l’occasione di conoscere e ammirare.

 


Alla mostra è connesso il convegno:

Kalevala: l’epica, la poesia orale, l’arte, la musica finlandese e careliana
Kalevala: Finnish and Karelian Epic, Folk poetry, Art and Music

Ulteriori Informazioni: Kalevala - Convegno